sabato 19 aprile 2014 

Cambio merce

Chi compera della merce stipula un contratto che deve essere rispettato. La legge prevede la possibilità di restituzione solo per i contratti stipulati a domicilio (o in casi analoghi) e sul posto di lavoro per i quali esiste il diritto di revoca entro 7 giorni (vedi diritto di revoca).

Se si compera qualcosa in un negozio non si ha il diritto di cambiare la merce o di farsi rimborsare il denaro. A volte i negozianti accettano una sostituzione o propongono un buono. Ma il cliente non può scegliere. Visto che il negoziante non è obbligato a farlo, il cliente deve accettare quanto gli viene proposto.
Per la merce saldata vigono spesso regole particolari. Molti negozi ammettono il cambio merce ma non su quella saldata. 
La situazione è diversa se la merce saldata risulta difettata. Si distinguono due casi:

  1. Proprio perché leggermente difettata la merce viene venduta a prezzo
    ridotto, con l’indicazione del difetto, per esempio: "danni dell’acqua", "piccoli difetti di fabbricazione", oppure "merce difettata". In simili circostanze non è possibile far valere alcun diritto per eventuali difetti.
  2. In mancanza di tali indicazioni si suppone che anche la merce saldata sia in perfetto stato.

L’Acsi consiglia:

  •  evitate gli acquisti precipitosi: ricordate che in genere il consumatore non ha nessun diritto alla sostituzione, al rimborso del denaro o alla revoca del contratto d’acquisto
  • fatevi confermare per scritto il diritto di cambiare la merce.

Per saperne di più:

22 settembre 2009

Condividi questa pagina su Facebook

 

ACSI, Via Polar 46, c.p. 165, 6932 Lugano-Breganzona - tel. 091 922 97 55, fax 091 922 04 71 - email: acsi@a*TOGLIEREQUESTO*csi.ch